Il coraggio di interrogarsi: parte 3

Perché molti dicono che non hanno tempo di andare a Messa, di pregare, di dedicare tempo alla vita comunitaria?
Perché il terzo comandamento inizia con la parola: “Ricordati”?

Un genitore sa per esperienza che un figlio, soprattutto quando è piccolo, ha bisogno di qualcuno che, volendogli bene, quindi non con acrimonia e impazienza ma in modo benevolo, gli ricordi le cose da fare, le cose giuste e sbagliate, perché – normalmente senza malizia – facilmente egli “si dimentica”… Sappiamo anche il perché: i bambini non hanno sviluppato il senso della storia, vivono immersi nel presente, non hanno ancora molta esperienza… e per di più (come i grandi) preferiscono fare ciò che piace a loro piuttosto che il loro dovere.
Dio, come Padre buono, raccomanda al suo popolo di “ri-cor-darsi”, di “ritornare al cuore” della vita e della storia della salvezza, continuamente: il Creatore stesso al settimo giorno si è riposato e, soprattutto, Dio ha liberato dalla schiavitù dell’Egitto il suo popolo (cfr. Deuteronomio cap. 5).
Se l’uomo non tiene sempre presente di essere oggetto dell’amore di Dio, il quale da sempre ha preparato il mondo intero per la sua creatura ed è intervenuto nella storia per tirare fuori dalla schiavitù il suo popolo dando loro una identità e una libertà irrinunciabile, difficilmente dedica tempo a Dio per ringraziarlo di tutto il suo amore immeritato, gratuito.
La dimenticanza di Dio e del suo amore (più e prima ancora delle tante “cose da fare”) è il vero motivo per cui non si trova il tempo per la preghiera e non si trova il modo per consacrare un giorno al Signore.
Non ricordare l’intervento liberatore di Dio nella propria storia fa rimanere schiavi delle circostanze.

“Osserva il giorno del sabato per santificarlo, come il Signore, tuo Dio, ti ha comandato. Sei giorni lavorerai e farai ogni tuo lavoro; ma il settimo giorno è il sabato in onore del Signore, tuo Dio: non farai alcun lavoro… Ricòrdati che sei stato schiavo nella terra d’Egitto e che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto uscire di là con mano potente e braccio teso; perciò il Signore, tuo Dio, ti ordina di osservare il giorno del sabato.” (Deut. 5)

Don Giuseppe Colombo

>> Scarica la terza riflessione

Il coraggio di interrogarsi: parte 2

Riflettere sulle dieci Parole (Decalogo) consegnate da Dio a Mosè per il suo popolo, vuol dire tra l’altro rendere coscienza che Dio ha pazienza con noi… non ci dice tutto in una sola volta, in una parola soltanto, ma si adatta alla nostra lentezza e durezza di comprendonio.
Anche Gesù, “la” Parola del Padre per eccellenza (il Verbo, il Figlio unigenito che rivela compiutamente il volto e il cuore di Dio) per farsi conoscere si è manifestato nel tempo, è entrato nella storia (prima nelle profezie, poi fisicamente, poi – misteriosamente ma realmente – nel suo corpo che è la Chiesa). Fattosi uomo si è messo al passo degli uomini mortali, ne ha accolto i ritmi, i limiti (per esempio, mentre era sulla terra in carne ed ossa come noi, aveva bisogno di mangiare, bere, dormire… non si è allontanato gran che dalla regione in cui è nato, parte l’esilio forzato in Egitto). Però ha invitato i discepoli, tutti (non solo i dodici apostoli), a staccarsi (nel cuore) dalla loro solita vita e ad andargli dietro: solo seguendo Lui si arriva a Dio!
Anche noi non dobbiamo fermarci alle prime difficoltà nel capire ciò che Dio ci rivela… in riferimento ai dieci comandamenti non dobbiamo fermarci ai primi o a qualcuno soltanto: dobbiamo continuare nella riflessione e nell’ascolto, perché solo continuando giungeremo alla verità tutta intera, quella che ci “fa liberi”, quella che ci fa vivere da figli di Dio e non più da servi.
Nel vangelo di Giovanni, capitolo 8 al versetto 31, che riascolteremo nella terza domenica di Quaresima, il Signore Gesù dice a quei Giudei che gli avevano creduto: «Se rimanete nella mia parola, siete davvero miei discepoli; conoscerete la verità e la verità vi farà liberi».

Continuiamo a interrogarci con coraggio!
Questa volta lasciamoci interpellare (cioè non leggiamo in fretta) dalla seconda Parola di Dio del Decalogo.

N.B.: Sugli scaffali in chiesa potrai recuperare il foglio del primo comandamento.

Don Giuseppe Colombo

>> Scarica la seconda riflessione

Il coraggio di interrogarsi: parte 1

In un suo scritto il Papa Benedetto XVI afferma che quando, per la prima volta, un essere vivente diede del tu a Dio allora nacque la coscienza umana. In altre parole quando una creatura prese coscienza di sé, di essere creatura, riconobbe il Creatore di fronte a sé. I dieci Comandamenti che troviamo nella Sacra Scrittura ci permettono di rivolgerci a Dio riconoscendo che Egli ci precede nell’iniziativa di parlarci…
Ma teniamo conto che una lunga storia ha preceduto il momento di Mosè sul monte Sinai e già un lungo cammino aveva accompagnato il popolo di Israele. In altre parole il nostro esame di coscienza si inserisce in una continua ricerca di senso che accompagna la nostra esistenza umana. Solo ad un certo punto si riconosce Dio davanti a sé!
E’ vero, Dio precede l’uomo – lo ha creato lui – ma Dio non si impone: pazientemente Egli aspetta che l’uomo lo riconosca. Non “sentiremo” Dio se non attraverso la nostra coscienza…
Ma, noi abbiamo il coraggio di interrogarci? Il rischio, più evidente proprio in tempi di consumismo, è di avere la coscienza annebbiata da sazietà: infatti chi è stordito (da alcol, fumo, droga…) non ha più una percezione chiara della realtà. Anche il digiuno è una caratteristica dell’impegno quaresimale, ma l’obiettivo della quaresima è la “conversione”: rivolgerci verso la Realtà vera adorando l’unico Signore e smettere di stare ripiegati davanti alle immagini (“idoli”).
Prendiamo coscienza che nel creato, come in uno specchio, si riflette l’immagine di Dio… però non basta: solo quando riposiamo nelle braccia del Padre nostro siamo nella pace. Interroghiamoci con coraggio… Riflettiamo!

Don Giuseppe Colombo

>> Scarica la prima riflessione

Buona quaresima per fare buona Pasqua

La gioia, che si sperimenta nella “Vita Nuova” che viene dalla Pasqua di Gesù, spiega e motiva il tempo di preghiera, penitenza e digiuno proposto dalla Liturgia della Chiesa. Se ci crediamo, mettiamoci di impegno, personalmente, perché non basta l’ambiente, l’aria, il contesto per vivere… se “dentro” non ha la forza vitale, l’uomo non vive! Ridiamo spazio (liberando il cuore dal peccato) allo Spirito Santo che Dio ha messo in noi con il Battesimo: Lui è la forza della nostra vita cristiana.

Don Giuseppe Colombo

PS: Hai visto il foglio che ti aiuta a riflettere “oggi” sui Comandamenti di Dio?

Il cristiano e la ricerca della Verità

Anche in occasione della vicenda dolorosa e triste di Eluana Englaro abbiamo constatato quanto le parole e le immagini che ci raggiungono influiscono su di noi. Si sente dire da molti anche a proposito di tante notizie quotidiane: spesso lasciano il cuore amareggiato, abbattuto… Resta vero poi che ciascuna persona elabora ciò che riceve e si forma una propria opinione… Attenzione quindi a ciò che si riceve e a ciò che si ricerca: infatti i mass-media non ci fanno giungere se non ciò che chi li dirige decide… non è detto che sia tutta la realtà. Se vogliamo, possiamo ricorrere ad altre fonti di notizie.
I cristiani – se tali vogliono essere, restando fedeli a Gesù maestro e salvatore – hanno la possibilità di confrontare tutte le parole e le vicende, che sentono, con la Parola di Dio (che è Cristo) per vedere se sono vere o no e anche per avere una luce giusta – che non dipende dal mondo, viene dall’alto – per interpretare i fatti.
In tutta libertà ciascuno, dentro e fuori la Chiesa, che sia credente o no, si forma una propria visione del mondo, della storia, di se stesso, del senso della vita e della morte, del perché esiste il male e il dolore, della società, di cosa fa la felicità o l’infelicità… In tutta libertà: Gesù ai suoi discepoli dice: “vi chiamo non servi, ma amici”. Quindi anche i cristiani devono conservare la propria libertà di giudizio e di scelta…
Tuttavia c’è una perplessità: se non cerco la verità tutta intera e mi limito a quello che altri mi fanno arrivare, come posso essere sicuro, senza presunzione, di quello che penso o credo? (per esempio nel caso citato, era “convinto” sia chi sosteneva una posizione sia chi era contrario). E – tanto più se sono cristiano – posso essere sicuro di valutare la realtà rettamente, se ascolto tutte le parole tranne che la Parola di Dio?
Presto viene la Quaresima. É davvero il caso di “convertirci”: almeno noi cristiani “convergere” l’attenzione a Dio… visto che di solito lo lasciamo fuori o ai margini della realtà vissuta. (…poi ci lamentiamo con Dio perché le cose vanno male!). 

Don Giuseppe Colombo