28 settembre: festa dell’oratorio

Per sottolineare il duplice riferimento che nella nostra parrocchia esiste per i ragazzi, la Festa dell’Oratorio vedrà due momenti distinti: al mattino e nel primo pomeriggio in Oratorio Maria Immacolata per i piccoli e le loro famiglie con Messa in cortile (in caso di bel tempo), aperitivo, giochi, Benedizione.
Nel tardo pomeriggio e alla sera in Oratorio S. Giovanni Bosco per i ragazzi dalla terza media in poi e per le loro famiglie con la prima Stramarcallomesero (gara di velocità a piedi, con monopattino, rollerblade o skateboard con partenza dall’Oratorio di Marcallo – leggi il volantino) cui seguirà la merenda, le premiazioni, la Messa in cortile (in caso di bel tempo) e la cena con la presentazione della Bottega del Teatro a cura de I 4 Salti in Platea e l’estrazione dei biglietti vincenti della sottoscrizione a premi.
Ci aspettiamo la partecipazione massiccia dei ragazzi – piccoli e soprattutto grandi – e delle loro famiglie (e chiediamo comprensione per la Messa in oratorio).
Sono benvenuti tutti coloro che sono disposti a collaborare all’organizzazione: a questo scopo, in particolare per la Stramarcallomesero, ci sarà giovedì sera in Oratorio S. Giovanni Bosco – dopo la cena con trippa – un incontro per coordinare il servizio e tutti gli annessi.
Passate parola…

Da Milano a Sydney con i giovani di tutto il mondo

È la vigilia della XXIII Giornata Mondiale della Gioventù, dal 15 al 20 luglio in Australia, sul tema “Avrete forza dallo Spirito Santo”. La veglia con il Papa la sera del 19 luglio.

Oggi molti giovani avvertono il bisogno di mettere in ordine la loro vita e di precisare le loro scelte. Anche questi grandi eventi aiutano, se vissuti bene, a intensificare un sincero desiderio di vita spirituale. È proprio lo Spirito Santo il protagonista di questi giorni. Lo slogan che il Papa ha scelto per i giovani della Gmg 2008 è “Avrete forza dallo Spirito santo”.

Vorremmo che questa promessa degli Atti degli Apostoli diventasse uno stimolo verso il rinnovamento della vita spirituale ordinaria, in cui lo Spirito di Gesù aiuti veramente a superare incertezze, dubbi e paure verso una assunzione piena delle proprie responsabilità e in un orientamento deciso della propria vita. Fede, vita e missione stanno intrinsecamente insieme.

Infatti, anche le catechesi a cui parteciperemo a Sydney svilupperanno proprio questo legame tra lo Spirito santo e la Missione. La delegazione dei quasi 500 giovani della Diocesi di Milano è presieduta da monsignor Mario Delpini, vescovo ausiliare del cardinale Dionigi Tettamanzi. Sarà la sua parola decisa e appassionata a introdurci nelle catechesi che ci verranno proposte.

Quando i giovani partecipano a questo tipo di eventi spesso hanno una segreta e quasi inconscia aspirazione nel cuore, quella di poter ascoltare una parola nuova che viene da Dio circa la loro vocazione. Spesso mi è capitato lungo gli anni, ascoltando racconti di vocazione di ragazzi e ragazze, di sentirmi dire che in occasioni come queste hanno avuto una particolare intuizione circa la loro vocazione, attraverso segni concreti della grazia.

Molte storie di amore e molte vocazioni consacrate hanno avuto la loro percezione di inizio a partire dalle grandi assemblee giovanili. Certamente il loro sviluppo ha richiesto una più lunga e paziente coltivazione, ma lì in mezzo a migliaia di giovani di tutte le razze, davanti al Papa, in una particolare preghiera o in una straordinaria confessione, molti hanno riconosciuta quella parola nuova in grado di dare una direzione a tutta la vita. Sono convinto che anche questa volta lo Spirito di Gesù rinnoverà questa forma di miracolo, in grado di portare pace alle persone e vitalità alla Chiesa.

Don Severino Pagani

Vicino alla chiesa… al santuario!

Anche della Terra Santa talvolta si dice: “Proprio dove è vissuto Gesù, c’è tanto male, c’è guerra, violenza…” . Così qualcuno è rimasto dolorosamente stupito, giustamente direi, alla notizia apparsa su qualche giornale, che vicino al Santuario della Famiglia, vicino alla nostra chiesa parrocchiale, sia stata trovata una notevole quantità di droga. Qualche giornalista subito mi ha chiesto cosa ne pensassi. Ecco qualche riflessione per noi…
Il fatto che la droga sia stata trovata qui, è l’occasione per parlarne… ma il problema droga è molto vasto: è dentro la società, dentro le scuole, dentro le famiglie… la percentuale di chi la usa sia tra gli adulti che tra i giovani è alta davvero… se la droga gira è perché c’è qualcuno che la vende e c’è chi la compra… c’è un modo di pensare e di vivere che dice possibile (quindi “giusto”) fare qualsiasi esperienza, “provare” qualsiasi cosa, quindi anche la droga…
Motivo ulteriore di preoccupazione è il fatto che si abbassa l’età di chi inizia ad usarla e che è più facile trovarla dovunque (anche vicino alle chiese!).
Per non finire nei luoghi comuni, forse è necessario interrogarci non su che cosa c’è nella nostra vita e nella società, ma su che cosa manca: se manca Dio nella vita quotidiana non illudiamoci… le scelte in famiglia, sul lavoro, nella scuola, nel tempo libero se, invece dei comandamenti di Dio, seguono l’istinto e la voglia di piacere o di potere, prima o poi conducono a star male, non a star bene.
Almeno da questo intervento è bene che venga un messaggio di cambiamento radicale: la radice del male è il peccato… Convertiamoci!!!

Don Giuseppe Colombo

Oratorio Feriale “in piazza”…

L’oratorio feriale estivo, iniziato mercoledì scorso, continua: dagli animatori e animatrici con le mamme, con le suore e il nostro seminarista Stefano (di cuore ringraziamo tutti questi operatori volontari, in collaborazione anche con altri alle dipendenze del Comune) ai nostri ragazzi sono proposti ogni giorno momenti di gioco, di attività creative, di preghiera, uscite in piscina o altrove per vivere bene il tempo di vacanza e nello stesso tempo è data da vivere un’occasione unica di vita comunitaria.
Tutto questo evidenzia che l’obiettivo dell’Oratorio resta l’educazione della gioventù nello spirito del Vangelo (quest’anno il tema apre in particolare alla “piazza” come luogo di incontro con tutta la realtà presente in paese: mercato, lavoro, caffé-internet-point, municipio, chiesa…). Sosteniamo tutti quest’opera educativa comunitaria con la preghiera, particolarmente unendoci nella Messa del mercoledì mattino alle ore 9.30.
Sentiamoci tutti già invitati alla Festa finale di venerdì 11 luglio… in piazza!!!

Don Giuseppe Colombo