Situazione economica sintetica della parrocchia – Anno 2018

ENTRATE 2018

OFFERTE SS. MESSE DOMENICALI E INTENZIONI DEFUNTI                                                                        € 30.336,00
BUSTE MENSILI                                                                                                                                                               € 21.301,00
OFFERTE PER BENEDIZIONI NATALIZIE                                                                                                                 € 4.584,00
OFFERTE PER CELEBRAZIONI SACRAMENTI E FUNZIONI
(Esequie, battesimi, comunione, cresima, anniversari matr., ecc…)                                                                        € 4.670,00
OFFERTE GENERICHE
(alla parrocchia, lotterie, banco lavoro, torte, candele, santuario Addolorata, ecc…)                                         € 14.570,00
DONAZIONI E VENDITE DI IMMOBILI
(al netto delle tasse diocesane)                                                                                                                                     € 114.000,00

TOTALE                                                                                                                                                                             € 189.461,00

USCITE 2018

SPESE DI GESTIONE UTENZE
(luce, gas, acqua, ecc…)                                                                                                                                                     € 25.701,00
SPESE PER ACQUISTO MATERIALE DI CULTO
(particole, libretti, immagini, ostie, candele battesimo, kit avvento e quaresima, ecc…)                                    € 5.400,00
MANUTENZIONE ORDINARIA DEI BENI ESISTENTI
(manutenzione annuale campane, estintori, fotocopiatrice, impianti elettrici, gestione del verde,
riparazione attrezzi giardino, diffusori luci, radio,
imbiancatura, ecc…)                                                                                                                                                          € 15.462,00
MANUTENZIONE STRAORDINARIA BENI ESISTENTI
(realizzazione porte in cristallo presso cappella feriale, rampa accesso disabili presso ufficio postale, realizzazione tetto casa parrocchiale, sostituzione caldaia oratorio e fancoil chiesa, protezione fancoil oratorio, opere murarie e posa pavimenti presso appartamenti Via Papa Giovanni)                                                                                        € 48.595,00
IMPOSTE E TASSE                                                                                                                                                          € 50.580,00
ONERI A PROFESSIONISTI
(per gestione ordinaria e straordinaria)                                                                                                                          € 4.641,00

TOTALE                                                                                                                                                                             € 150.379,00

Breve nota a margine
Come si evince da questo sintetico prospetto (nel quale sono state raggruppate le diverse voci sotto capitoli generici), quando la parrocchia deve sostenere delle spese di manutenzione di carattere straordinario (che saranno sempre più imminenti, visto che le strutture col passare del tempo necessitano di interventi di diversa tipologia), fatica ad avere una chiusura di cassa con margini positivi significativi che permettano un accumulo di cassa per interventi di grande portata (un esempio: pavimentazione chiesa).
In questo anno grazie alla donazione alla parrocchia di un immobile e alla successiva vendita del medesimo, si è chiuso il FIDO di 80.000 € e si ha avuto un margine di cassa positivo.
Nel corso del 2020 si vorrebbe intervenire per la messa in sicurezza dell’impianto elettrico della chiesa parrocchiale (partendo dal quadro elettrico in sacrestia) e per la manutenzione degli scarichi raccolta acqua della chiesa stessa.
E’ previsto inoltre un intervento di riqualifica dell’antincendio della Sala della Comunità, che dovrebbe essere effettuato nell’anno 2020. Tale intervento è dipeso dai tempi burocratici e di progettazione.
Prossimamente sono previsti dei lavori di carattere straordinario, interamente sovvenzionati da privati, quali:
– Riqualificazione del centro di ascolto Caritas e di alcune sale attigue (scantinato chiesa parrocchiale), grazie ad un fondo diocesano destinato alla Caritas.
– Sostituzione recinzione chiesa lato Via Papa Giovanni XXIII (messa in opera da volontari).
– Realizzazione recinzione del porticato in Piazza Europa che si rende necessaria visto i continui atti di vandalismo sul sagrato della chiesa parrocchiale e l’abbandono di immondizia, soprattutto durante le ore notturne (questa è l’educazione dei nostri ragazzi…!).
– Rivisitazione del verde antistante la chiesa.
– Nuova illuminazione del sagrato della chiesa.

Rinnovo del Consiglio Pastorale Parrocchiale

Il 20 ottobre la comunità è chiamata ad eleggere il nuovo consiglio pastorale parrocchiale. Il sinodo 47° scrive: “ Un momento significativo della partecipazione all’azione pastorale della parrocchia si realizza anche mediante il “consigliare nella Chiesa”, in vista del comune discernimento per il servizio del Vangelo. Il consigliare nella chiesa non è facoltativo, ma è necessario per il cammino da compiere e per le scelte pastorali da fare. Il consiglio pastorale parrocchiale è un ambito della collaborazione tra presbiteri, diaconi, consacrati e laici e uno strumento tipicamente ecclesiale, la cui natura è qualificata dal diritto-dovere di tutti i battezzati alla partecipazione corresponsabile e dall’ecclesiologia comune”. Criterio fondamentale per la composizione del CPP è quello duplice, offerto ancora del sinodo: “Il consiglio pastorale deve da una parte rappresentare l’immagine della fraternità e della comunione dell’intera comunità parrocchiale di cui è espressione in tutte le sue componenti, dall’altra deve costituire lo strumento della decisione comune pastorale, dove il ministero della presidenza, propria del parroco, e la corresponsabilità di tutti i fedeli devono trovare la loro sintesi”. In vista del rinnovo si accolgono candidature e suggerimenti di candidature. Possono essere membri dei consigli coloro che, avendo completato l’iniziazione cristiana, abbiano compiuto i 18 anni e siano canonicamente domiciliati nella parrocchia, oppure risultino operanti stabilmente in essa. Si considerano incompatibili con l’ufficio di consigliere le seguenti cariche politiche e amministrative: la guida di una formazione politica; l’essere parlamentare; l’essere assessore o sindaco; l’essere consigliere comunale o regionale.

Calendario pastorale

Lunedì 24 ore 21.00 Incontro per il consiglio pastorale parrocchiale di area omogenea, presso la chiesa parrocchiale.

Sabato 29 ore 21.00 I “Passionisti” di Ossona, in collaborazione con il Santuario della Famiglia, presentano la sacra rappresentazione della Passione.
Sagrato del Santuario della Famiglia (P.zza Europa).
Ingresso libero.

Sabato 6 domenica 7 Raccolta alimenti per la Caritas. Necessitano: Fette biscottate – biscotti – pelati – latte UHT

Stralcio da: Istruzione “Ad resurgendum cum Cristo”

Sulla sepoltura e cremazione dei defunti

Seguendo l’antichissima tradizione cristiana, la Chiesa raccomanda insistentemente che i corpi dei defunti vengano seppelliti nel cimitero o in altro luogo sacro.[4] Nel ricordo della morte, sepoltura e risurrezione del Signore, mistero alla luce del quale si manifesta il senso cristiano della morte,[5] l’inumazione è innanzitutto la forma più idonea per esprimere la fede e la speranza nella risurrezione corporale.[6] La Chiesa, che come Madre ha accompagnato il cristiano durante il suo pellegrinaggio terreno, offre al Padre, in Cristo, il figlio della sua grazia e ne consegna alla terra le spoglie mortali nella speranza che risusciterà nella gloria.[7] Seppellendo i corpi dei fedeli defunti, la Chiesa conferma la fede nella risurrezione della carne,[8] e intende mettere in rilievo l’alta dignità del corpo umano come parte integrante della persona della quale il corpo condivide la storia.[9] Non può permettere, quindi, atteggiamenti e riti che coinvolgono concezioni errate della morte, ritenuta sia come l’annullamento definitivo della persona, sia come il momento della sua fusione con la Madre natura o con l’universo, sia come una tappa nel processo della re–incarnazione, sia come la liberazione definitiva della “prigione” del corpo. Inoltre, la sepoltura nei cimiteri o in altri luoghi sacri risponde adeguatamente alla pietà e al rispetto dovuti ai corpi dei fedeli defunti, che mediante il Battesimo sono diventati tempio dello Spirito Santo e dei quali, «come di strumenti e di vasi, si è santamente servito lo Spirito per compiere tante opere buone».[10] Il giusto Tobia viene lodato per i meriti acquisiti davanti a Dio per aver seppellito i morti,[11] e la Chiesa considera la sepoltura dei morti come un’opera di misericordia corporale.[12] Infine, la sepoltura dei corpi dei fedeli defunti nei cimiteri o in altri luoghi sacri favorisce il ricordo e la preghiera per i defunti da parte dei familiari e di tutta la comunità cristiana, nonché la venerazione dei martiri e dei santi. Mediante la sepoltura dei corpi nei cimiteri, nelle chiese o nelle aree ad esse adibite, la tradizione cristiana ha custodito la comunione tra i vivi e i defunti e si è opposta alla tendenza a occultare o privatizzare l’evento della morte e il significato che esso ha per i cristiani.
Laddove ragioni di tipo igienico, economico o sociale portino a scegliere la cremazione, scelta che non deve essere contraria alla volontà esplicita o ragionevolmente presunta del fedele defunto, la Chiesa non scorge ragioni dottrinali per impedire tale prassi, poiché la cremazione del cadavere non tocca l’anima e non impedisce all’onnipotenza divina di risuscitare il corpo e quindi non contiene l’oggettiva negazione della dottrina cristiana sull’immortalità dell’anima e la risurrezione dei corpi.[13] La Chiesa continua a preferire la sepoltura dei corpi poiché con essa si mostra una maggiore stima verso i defunti; tuttavia la cremazione non è vietata, «a meno che questa non sia stata scelta per ragioni contrarie alla dottrina cristiana».[14] In assenza di motivazioni contrarie alla dottrina cristiana, la Chiesa, dopo la celebrazione delle esequie, accompagna la scelta della cremazione con apposite indicazioni liturgiche e pastorali, avendo particolare cura di evitare ogni forma di scandalo o di indifferentismo religioso. Qualora per motivazioni legittime venga fatta la scelta della cremazione del cadavere, le ceneri del defunto devono essere conservate di regola in un luogo sacro, cioè nel cimitero o, se è il caso, in una chiesa o in un’area appositamente dedicata a tale scopo dalla competente autorità ecclesiastica. Sin dall’inizio i cristiani hanno desiderato che i loro defunti fossero oggetto delle preghiere e del ricordo della comunità cristiana. Le loro tombe divenivano luoghi di preghiera, della memoria e della riflessione. I fedeli defunti fanno parte della Chiesa, che crede alla comunione «di coloro che sono pellegrini su questa terra, dei defunti che compiono la loro purificazione e dei beati del cielo; tutti insieme formano una sola Chiesa».[15] La conservazione delle ceneri in un luogo sacro può contribuire a ridurre il rischio di sottrarre i defunti alla preghiera e al ricordo dei parenti e della comunità cristiana. In tal modo, inoltre, si evita la possibilità di dimenticanze e mancanze di rispetto, che possono avvenire soprattutto una volta passata la prima generazione, nonché pratiche sconvenienti o superstiziose. Per i motivi sopra elencati, la conservazione delle ceneri nell’abitazione domestica non è consentita. Soltanto in caso di circostanze gravi ed eccezionali, dipendenti da condizioni culturali di carattere locale, l’Ordinario, in accordo con la Conferenza Episcopale o il Sinodo dei Vescovi delle Chiese Orientali, può concedere il permesso per la conservazione delle ceneri nell’abitazione domestica. Le ceneri, tuttavia, non possono essere divise tra i vari nuclei familiari e vanno sempre assicurati il rispetto e le adeguate condizioni di conservazione. Per evitare ogni tipo di equivoco panteista, naturalista o nichilista, non sia permessa la dispersione delle ceneri nell’aria, in terra o in acqua o in altro modo oppure la conversione delle ceneri cremate in ricordi commemorativi, in pezzi di gioielleria o in altri oggetti, tenendo presente che per tali modi di procedere non possono essere addotte le ragioni igieniche, sociali o economiche che possono motivare la scelta della cremazione. Nel caso che il defunto avesse notoriamente disposto la cremazione e la dispersione in natura delle proprie ceneri per ragioni contrarie alla fede cristiana, si devono negare le esequie, a norma del diritto.[16]

Card. Gerhard Müller
Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede