Scuola materna saluta Maria Rosa Castiglioni

Molti di noi conoscono Maria Rosa, l’insegnante della sezione gialla della nostra Scuola Materna, che, con il prossimo mese di giugno, conclude il suo servizio lavorativo, avendo maturato e meritato il tempo della pensione. Vorremmo salutarla con particolare enfasi, così come il caso richiede:
sabato 28 maggio allo spettacolo finale dei bambini, con la presenza del Presidente, delle Autorità e del personale della Scuola formuleremo in modo speciale il nostro saluto e augurio.
Ma vorremmo anche coinvolgere tutti gli ex alunni che Maria Rosa in quarantuno anni ha conosciuto
personalmente. Venerdì 24 giugno, alle ore 18.00, in bicicletta, andremo a prendere Maria Rosa (a casa sua Inveruno) e l’accompagneremo in chiesa parrocchiale, dove ringrazieremo il Signore con lei con una Santa Messa. Poi, tutti insieme, ci porteremo in Oratorio per un apericena (iscrizioni presso le Suore o presso l’edicola Zoia o la segreteria della Scuola).

Anno santo della Misericordia: 31 maggio

Martedì 31 maggio, SIAMO ATTESI TUTTI al Santuario della B. V. Dei Miracoli di Rho, Chiesa giubilare per la nostra zona pastorale. Sarà un vero e proprio pellegrinaggio che prevede la recita del Santo Rosario, l’attraversamento della Porta Santa per “lucrare” l’indulgenza plenaria di questo Anno Santo della Misericordia con una liturgia appositamente dedicata. Sarà anche un momento di Chiesa perché lo vivremo come Area Omogenea (le Parrocchie di Mesero Marcallo, Casone e Boffalora).Organizziamo pertanto un pullman (iscrizioni presso le suore o presso l’edicola Zoia, oppure presso la segreteria parrocchiale, entro domenica 29 maggio). Il ritrovo è fissato alle ore 19.50 in via Papa Giovanni XXIII e alle 20.00 si parte alla volta del Santuario di Rho.

Processione eucaristica: giovedì 26 maggio

Giovedì 26 maggio è la festa del CORPUS DOMINI, il giorno dedicato alla riscoperta della presenza eucaristica nelle nostre Comunità. Terminata la Messa delle 18.00 in Santuario ci sarà l’adorazione eucaristica fino all’inizio della processione (ore 20.30) che partendo dal Santuario della Famiglia attraverserà via IV Novembre, Novara, Cuggiono, Roma, Piazza Europa e si concluderà in Chiesa parrocchiale.
Ricordiamo lo stendardo rosso che troviamo in sacrestia a € 0,50 per noleggio.

La catechesi dell’iniziazione cristiana in diocesi

ImmagineLa Diocesi di Milano sta elaborando un nuovo itinerario dell’Iniziazione cristiana che introduce alla vita cristiana. «L’evangelizzazione è introduzione viva nella relazione con Gesù, che rivela l’amore di Dio in gesti e parole: l’intero progetto catechistico italiano, anche attraverso gli strumenti elaborati, ha inteso mostrare come l’azione evangelizzatrice conduca a questo “cuore”. La catechesi è un sapere Gesù (2 Cor 2,2): incontrarlo, conoscerlo, celebrarlo, viverlo e anche gustarne la bontà e l’amore. Veniamo a conoscere dai Vangeli che questo incontro, essendo una relazione spirituale e profonda tra persone, richiede un’apertura, un “lasciarsi incontrare” da Lui, che ci rivela il Padre e ci dona il suo Spirito; è la condizione per poter proporre ad altri il medesimo incontro» (Cei, Incontriamo Gesù, 2014, n. 27).
In queste parole del documento che la Conferenza episcopale offre alle diocesi italiane come orientamenti per l’annuncio e la catechesi ritroviamo la bellezza e la pregnanza dell’itinerario che in Diocesi stiamo elaborando per l’Iniziazione cristiana dei bambini accompagnati dai loro genitori. Come vedete l’accento cade sì su quelli che sono gli strumenti della pastorale, i sussidi, ma sottolinea in modo particolare la figura dei Genitori, coinvolti sempre più nel darsi ragione alla fede. I nostri Genitori devono sempre più scegliere se vogliono iscrivere i loro figli all’itinerario di catechesi, ben sapendo che questo gesto li chiama in causa in prima persona: sono loro gli educatori nella fede con i gesti, le parole e la coerenza della vita. Domenica 15 maggio, alla vigilia della celebrazione dei Sacramenti, vogliamo incontrare le famiglie dei ragazzi dei primi tre anni della Scuola Primaria, per lasciare a ciascun gruppo un invito, un compito e cammino da vivere insieme nella chiesa e con la comunità cristiana.

Pentecoste e celebrazioni dei sacramenti

Domenica 15 maggio è la festa di Pentecoste che fa conoscere alla Chiesa di ogni tempo il dono dello Spirito e l’invito alla missione. Dunque il dono preziosissimo dello Spirito e la Missione: il primo ci rende capaci di attualizzare il Vangelo nella vita cristiana di ogni giorno, facendo memoria della persona di Gesù con la nostra vita; lo Spirito di Dio, terza persona della Trinità, ci rende capaci di testimoniare, di portare il buon profumo della vita nuova nel mondo introducendoci al secondo dono che è la Missione. Mai come oggi sentiamo la necessità di dire Gesù all’uomo di oggi che spesso non sente più la necessità di Dio, e pensa la propria vita capace di determinarsi da sola senza l’intervento esterno di qualcosa o qualcuno (Dio)!? Mai come oggi abbiamo la necessità di attraversare l’indifferenza e far crescere il desiderio di Dio, anzitutto in noi e poi negli altri, e quanto sentiamo la necessità di rendere visibili gli effetti della vita buona, della vita cristiana, vissuta nel nostro quotidiano, umanamente con i piedi per terra, alla luce della fede!
Chi ci darà una mano? Chi ci guiderà, illuminerà, correggerà, sosterrà nel presente e futuro? Le
nostre attività sono importanti ma ancor più il dono dello Spirito Santo.
E a partire da questa domenica entriamo in una settimana importante che ci condurrà alla celebrazione della Cresima, sabato 21 maggio, e la 1^ Comunione, domenica 22 maggio. La bellissima cornice di festa di questi due avvenimenti ci riporta alla verità e necessità dell’annuncio: abbiamo bisogno di Cristo. Non sono di per sé un traguardo, la fine di un percorso, ma l’inizio di un compito e responsabilità nuove per il bene di tutti. Quando si riceve la Cresima si ottiene il dono di una particolare amicizia con Gesù che rende possibile il vivere le esigenze iscritte nel partecipare all’Eucaristia. In IV elementare si riceve la 1^ Comunione: è il primo passo che apre un cammino che fa scoprire cosa vuol dire vivere da cristiani e, con la Cresima in V elementare, ci si rende conto che non possiamo vivere da cristiani da soli, perché abbiamo bisogno di qualcuno che ci guida (lo Spirito) e di qualcuno con cui condividere il cammino (la Chiesa). Facciamo gli auguri a tutti i ragazzi e ragazze che con entusiasmo ed emozione accolgono questi doni grandi e preghiamo per loro e per i Genitori, presenze preziose e insostituibili.